La parola nascere è la conseguenza di un pensiero e poi di una volontà. Ognuno di noi è il frutto del pensiero di Nostro Padre, dell’Eterno! Lui ci ha pensato e poi voluti. Dio ci ama e vuole che ci amiamo gli uni agli altri. Questo però a volte in noi esseri umani non accade a causa del libero arbitrio e della nostra natura imperfetta. Dal male però possono nascere cose belle, questa è la forza dell’amore, quell’Amore che Gesù ci trasmette dalla sua croce, perché l’unica risposta a ciò che non ci fa più sorridere è l’amore.

Il 13 maggio del 2011 il piccolo Christian viene ucciso prima che potesse nascere, attraverso quell’orribile pratica chiamata aborto.  Di fronte ad un omicidio che non può essere giustificato nei confronti di colui che è più debole, e che dovrebbe esser salvaguardato, non vi sono parole.  Vi può essere solo una risposta: amare con una forza maggiore. Il papà del piccolo Christian è il Dott. Ric. Christian Zanon che, dopo questa terribile esperienza cui ha dovuto assistere senza che nulla potesse fare per salvare la vita del suo bambino, ha deciso di scrivere un libro dal titolo, Il Figlio Negato, il difficile cammino del Perdono. Il libro è stato scritto dall’autore per due ragioni: la prima affinché il suo piccolo bambino potesse nascere lo stesso, attraverso le sue parole, il suo amore, mentre la seconda ragione, nasce da un ragionamento e cioè: “se questo serve per salvare soltanto una vita, allora questo libro deve essere scritto affinché non siamo complici davanti a Dio dopo la nostra morte, che avverrà puntuale secondo le leggi dell’universo, di questi omicidi silenziosi che colorano quotidianamente la terra di rosso vivo”. Una terra che grida vendetta, così dice il Signore: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!» (Gen 4,10).

Il piccolo Christian, sarebbe dovuto nascere il giorno 12 dicembre del 2011, festa di Nostra Signora di Guadalupe, protettrice dei non nati. Forse è solo una coincidenza, o forse è una Dio- incidenza che ci vuole sensibilizzare circa il valore della vita, che non può essere lasciato alla volontà umana, la quale per comodo e interessi personali decide ciò che è giusto e ciò che non lo è. San Pio da Pietrelcina  diceva che “Dio avrebbe fatto finire tutte le guerre del mondo se ci fosse stato un solo giorno senza aborto”.

Il 19 marzo del 2014 nasce a Cagliari l’Associazione senza fini di lucro, denominata “Nostra Signora di Guadalupe – Cammino per la Vita”, fondata dal Dott. Ric. Christian Zanon, di professione Neuropsicologo (Presidente), dal Dott. Alberto Giua Marassi, di professione dottore commercialista e dalla dott.ssa Manuela Biddau, di professione medico, con l’obiettivo principale di essere uno strumento a favore della vita.

Per motivi di studio legati al Presidente, l’associazione è rimasta inattiva fino all’anno 2017, quando con la disponibilità della collega psicologa-psicoterapeuta, dott.ssa Manuela Deidda, che ha abbracciato gli ideali della Associazione, essa si è riattivata con nuovo slancio. Grazie all’ingresso di nuovi soci fondatori nell’autunno del 2018, il Presidente in accordo con essi, ha deciso di dare una nuova veste alla realtà associativa, con un cambio del nome (Associazione di psicologi e psicoterapeuti “Nostra Signora di Guadalupe”NSG) e di alcuni aspetti del suo Statuto al fine di realizzare meglio gli obiettivi di fondo con cui il progetto era stato pensato sin dal suo sorgere.

All’unanimità, il 15 Novembre 2018, il Dott. Ric. Christian Maria Cixi Zanon viene rieletto come Presidente dell’associazione, che assume la veste di una organizzazione di volontariato.